home
 
 | 

UNDP-FAIR

Il programma FAIR – ‘Facilitating Access to Infrastructure Resilience in ‘Area C’ and East Jerusalem’ – qui sviluppato dalla agenzia UNDP rappresenta un innovativo meccanismo che mira a potenziare e rafforzare le istituzioni nazionali palestinesi nella progettazione e realizzazione di opere infrastrutturali pubbliche e sociali da sempre essenziali - ai fini di uno sviluppo sostenibile - sia a Gerusalemme Est che in ‘Area C’.
 
L’innovazione del programma risiede  nello stretto coordinamento che UNDP effettuera’ con le Autorita’ Israeliane – grazie al sostegno dell’ufficio del Coordinatore Speciale per il Processo di Pace Mediorientale (UNSCO) e all’ufficio del Quartetto per il Medioriente -  soprattutto nella fase progettuale delle opere infrastrutturali e specificamente al rilascio dei permessi di costruire e/o autorizzazioni a procedere garantendo una sostenibilita’ sia politica che tecnica dei diversi progetti.
Ulteriore aspetto innovativo riguarda l’attenzione dedicata da questo programma alle attivita’ mirate al sostegno dei gruppi minoritari e vulnerabili (sia religiosi, che etnici e/o linguistici) e delle comunita’ marginalizzate essendo questo anche un importante tema in sede di discussione ‘Post-2015’ e di definizione dei nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenbile (SDGs).
 
Nello specifico l’agenzia UNDP – che gestira’ completamente gli aspetti finanziari del programma – fornira’ una copertura istituzionale per le attivita’ in ‘Area C’ che saranno direttamente realizzate dal Ministero del Governo Locale e realizzera’ per via diretta le opere a Gerusalemme Est per conto dell’Autorita’ Palestinese riportandola ad un ruolo di ‘leadership’ e coordinamento in questa specifica area da cui e’ assente dalla chiusura della ‘Orient House’ nel 2001.  
 
L'iniziale proposta di budget – su un periodo di 3 anni - raggiunge i 51 milioni di dollari equamente distribuiti sulle due aree geografiche individuate. 


Il contributo del Governo Italiano e' di circa 3 Milioni di Euro.