home
 
 | 

PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese

Valore: 
1.210.136,00 Euro
Data di avvio: 
2008
Durata: 
30 mesi
Stato: 
Ongoing
Sector: 
Economic Development
Partner: 
  • Presidenza dell’Autorità Nazionale Palestinese;
  • Università di Perugia (Facoltà di Giurisprudenza);
  • IUS - Innovazione Umbria Sviluppo s.r.l., spin-off creato da Università di Perugia, Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), Sezione Umbria e Associazione dei costruttori (ANCE).
Ente Realizzatore: 
Regione Umbria
Canale: 
Bilateral
Luogo: 
Palestina
Obiettivi: 
  • Predisporre i mezzi necessari alla costituzione della Camera Arbitrale Palestinese (CAP), procedendo alla redazione dei testi relativi alle norme istitutive della Camera Arbitrale, allo Statuto della stessa e al regolamento processuale;
  • Supportare la costituzione in coerenza con la normativa precedentemente predisposta e varata del Consiglio d’amministrazione e della Struttura direttiva della CAP assicurandone il corretto svolgimento e l’assunzione della responsabilità professionale;
  • Rendere disponibile le professionalità adeguate alla fornitura dei servizi previsti della CAP attraverso la formazione professionale da parte di docenti altamente qualificati;
  • Sostenere per nove mesi la prima sede funzionante della CAP e pertanto assicurandone l’inizio della sua attività in condizioni di supporto finanziario e di assistenza per la risoluzione di problematiche che possono insorgere durante il primo periodo.
Risultati Attesi: 
  • Consegna della normativa, del regolamento interno e dello Statuto della CAP all’Autorità Nazionale Palestinese;
  • Costituzione della CAP ed elezione dei relativi organi ovvero, l'organo direttivo costituito in coerenza con la normativa precedentemente predisposta e varata;
  • 75 arbitri e 45 avvocati dotati di qualifica professionale adeguata allo svolgimento delle attività processuali della CAP;
  • Avviamento e attività monitorata per dodici mesi della CAP e verifica delle condizioni di auto sostentamento della medesima a regime.
Beneficiari: 
  • Camere di commercio;
  • Arbitri e gli avvocati;
  • Popolazione locale.

I beneficiari indiretti saranno tutti quei soggetti che potranno farvi riferimento, rivolgendosi per la contrattazione, per casi di controversie e per necessità di interventi di arbitraggio, di conciliazione o di mediazione tra le parti, assicurando, in tal modo, una cooperazione e un partenariato.  
 

PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
PIAC: Creazione della Camera Internazionale Arbitrale Palestinese
AllegatoDimensione
Relazione al 10- 09 -2014.pdf195.93 KB